home > Servizi > Servizi Fiscali

Servizi Fiscali

L'ufficio si occupa di soddisfare con competenza le necessità legate ad aspetti contabili, economici, finanziari e societari delle aziende associate.

Servizi Offerti:

 

Contatti sede Piacenza:

Affaticati Mario           Tel.0523 307546       E-Mail maffaticati@upapc.org 

Cristalli Ornella           Tel.0523 307534       E-Mail ocristalli@upapc.org  

Contatti sede Fiorenzuola d'Arda:

Cristalli Tonina            Tel.0523 245278       E-Mail tonina.cristalli@upapc.org

Contatti sede Cortemaggiore:

Cigala Stefano             Tel.0523 839411       E-Mail scigala@upapc.org

_____________________________________________________________

 

NEWS:

24/05/2017 - Nuove regole sulla detrazione IVA solo dalle fatture emesse e ricevute nel 2017

Precisazioni del direttore dell'Agenzia presso le Commissioni Riunite Bilancio sui nuovi termini entro cui esercitare il diritto alla detrazione Iva; solo dalle fatture emesse e ricevute nel 2017.

L’ufficio Fiscale di UPA Federimpresa segnala agli associati che le nuove regole sulla detrazione dell’imposta e, quindi, sui termini di registrazione delle fatture di acquisto, si applicano solo alle fatture emesse e ricevute nel 2017, anno in cui entra in vigore la nuova normativa, non anche alle fatture ricevute e non registrate negli anni precedenti, laddove non siano ancora spirati i termini per la detrazione dell’imposta previsti dagli articoli 19 e 25 del DPR n. 633 del 1972 nel testo in vigore prima della modifica.

Per le fatture degli anni precedenti (2015 e 2016) non registrate vale quindi la disciplina in vigore prima delle modifiche, in quanto,non essendo stata prevista nessuna disciplina transitoria da applicarsi alle fatture ricevute nel vigore della norma precedente e non ancora registrate, viene applicato il principio generale che governa il succedersi nel tempo delle norme giuridiche, secondo cui la legge dispone solo per l’avvenire.

Secondo quanto stabilito dalla Manovra correttiva, viene modificato il termine per esercitare il diritto alla detrazione dell’IVA relativa ai beni e servizi acquistati o importati (previsto dall'art. 19, comma 1, DPR n. 633/72 così come modificato dall'art. 2 del DL 50/2017) ovvero tale diritto può essere esercitato al più tardi con la dichiarazione annuale IVA relativa all’anno in cui lo stesso è sorto (ad es., per un acquisto di beni effettuato nel 2018, il diritto alla detrazione, sorto nel 2018, potrà essere esercitato dall’acquirente nella dichiarazione annuale relativa al medesimo anno, vale a dire entro il 30 aprile 2019).


La nuova norma prevede, inoltre, un’altra modifica: le fatture di acquisto dovranno essere annotate nel registro anteriormente alla liquidazione periodica nella quale è esercitato il diritto alla detrazione della relativa imposta, e comunque entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa all’anno di ricezione della fattura e con riferimento al medesimo anno.

Non è stata prevista una disciplina transitoria da applicarsi alle fatture ricevute nel vigore della norma precedente e non ancora registrate.

Tale mancanza, potrebbe comportare l’esclusione del diritto alla detrazione dell’Iva relativa alle fatture degli anni 2015 e 2016 non annotate nel registro acquisti, per il quale il termine più breve di registrazione fissato dal nuovo articolo 25 sarebbe ormai decorso.
Tale problematica può, tuttavia, essere superata applicando il principio generale che governa il succedersi nel tempo delle norme giuridiche, secondo cui la legge dispone solo per l’avvenire (art. 11 delle preleggi).

“Ciò comporta -ha precisato il direttore dell'Agenzia - che le nuove regole sulla detrazione dell’imposta e, quindi, sui termini di registrazione delle fatture di acquisto, si applicano solo alle fatture emesse e ricevute nel 2017, anno in cui entra in vigore la nuova normativa, non anche alle fatture ricevute e non registrate negli anni precedenti, laddove non siano ancora spirati i termini per la detrazione dell’imposta previsti dagli articoli 19 e 25 del DPR n. 633 del 1972 nel testo in vigore prima della modifica.”

----------------------------------------------------------------------------------------

26/04/2017 - NUOVO OBBLIGO INVIO TELEMATICO MODELLO F24

Con DL 50/2017 pubblicato in Gazzetta Ufficiale in data 24.04.2017 ed entrato subito in vigore, è stato introdotto l’obbligo di inviare telematicamente tramite Entratel/Fisconline i modelli F24 per i pagamenti che contengono compensazioni di qualsiasi tipo.

In precedenza l’obbligo riguardava solamente i modelli F24 con compensazioni ed il saldo a zero (adempimento che resta ancora in vigore per tutti i contribuenti).

Per i titolari di partita IVA (società, professionisti, ditte individuali), a far data dal 26.04.2017, ogni modello F24 che espone un credito in compensazione, anche se risulta con un saldo a debito diverso da zero, deve transitare OBBLIGATORIAMENTE da Entratel o da Fisconline.

I normali canali di pagamento “home banking” non sono più utilizzabili, per cui chi ha usato questo sistema fino ad oggi, deve accreditarsi presso l’Agenzia delle Entrate oppure dovrà autorizzare un intermediario (ad esempio: U.P.A.-Federimpresa) all’invio telematico dei modelli F24.

Per maggiori informazioni rivolgersi agli uffici fiscali dell'Associazione.

----------------------------------------------------------------------------------------

20/04/2017 - Fisco: accertamenti via PEC da luglio

Upa Federimpresa informa che a partire dal prossimo 1° luglio: partiranno le notifiche di accertamenti fiscali via PEC: si tratta di un nuovo servizio messo a punto dall’Agenzia delle Entrate che ha già reso disponibili i modelli per richiedere la notifica degli atti con Posta Elettronica Certificata, con l’obiettivo di venire incontro ai contribuenti in ottica di semplificazione e migliore gestione del tempo.

Il servizio sarà opzionale per i privati, che dovranno utilizzare gli appositi moduli per manifestare espressamente la propria volontà di ricevere le comunicazioni del Fisco via PEC, mentre avverrà in maniera automatica per tutti gli avvisi di accertamento destinati a partite IVA, professionisti ed imprese, obbligati per legge ad avere un casella di Posta Elettronica Certificata.

Dunque dal 1° luglio, avvisi e altri atti che per legge devono essere notificati alle imprese individuali o in forma societaria e ai professionisti iscritti in albi o elenchi istituiti con legge dello Stato potrà avvenire a mezzo di Posta Elettronica Certificata, all’indirizzo del destinatario risultante dall’indice nazionale degli indirizzi di Posta Elettronica Certificata (INI-PEC).

La scelta di ricevere via PEC le notifiche dell’Agenzia delle Entrate consentirà ai contribuenti di evitare le file allo sportello, ma anche di evitare di perdere alcune comunicazioni, che ad oggi arrivano per posta tramite lettera raccomandata e ufficiale giudiziario. Le notifiche via PEC hanno inoltre il vantaggio di essere più celeri e gratuite.

In ogni caso per le notifiche effettuate fino al 30 giugno 2017 rimarrà in vigore la disciplina tradizionale in materia di notifiche.

----------------------------------------------------------------------------------------

07/09/2016 - DATI CATASTALI E IPOTECARI: CONSULTAZIONE GRATUITA ANCHE PER LE SOCIETA’

Anche per le società sono gratuitamente disponibili in modalità telematica, le banche dati con le informazioni sui dati catastali ed ipotecari.

 

Con il provvedimento  del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, è stata estesa anche alle società e agli enti la possibilitàdi consultare gratuitamente, in modalità telematica, le banche dati ipotecaria e catastale; in particolare l’accesso alle informazioni sul patrimonio immobiliare delle società, è disponibile:

 

-         per le persone giuridiche registrate ai servizi telematici Entratel

-         per le persone giuridiche registrate a Fisconline

 

Consultando le banche dati catastale e ipotecaria è possibile ottenere:

 

-         la visura catastale, disponibile sia per soggetto che per immobile;

-         la mappa con particelle terreni;

-         la planimentria del fabbricato;

-         l’ispezione ipotecaria

 

Il servizio è attivo su tutto il territorio nazionale tranne nelle provincie autonome di Trento e Bolzano e nelle altre zone in cui vige il sistema tavolare.

L’Agenzia ricorda, infine, che il servizio dal 31 marzo 2014 è attivo anche per le persone fisiche.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------

28/09/2015 - Fatture Elettroniche al G.S.E.

Il servizio fiscale di UPA Federimpresa comunica che dal 21 settembre sono state attivate le nuove funzionalità dei Portali GSE relative alla fatturazione elettronica anche per il settore Fotovoltaico, con riferimento ai seguenti regimi commerciali

-         Certificati verdi e tariffa onnicomprensiva

-         Ritiro dedicato

-         Tariffa fissa onnicomprensiva

-         Scambio sul posto

-         Certificati bianchi

-         Fer elettriche

 

L’ufficio ricorda, inoltre, che la procedura di fatturazione elettronica relativa alle predette cessioni di energia è identica a quella divenuta obbligatoria a decorrere dal 20 luglio 2015 per la cessione di energia elettrica al GSE spa (gestore dei servizi elettrici).

Con riferimento all’intero processo di fatturazione elettronica per la cessione di energia elettrica al GSE, sia con riferimento all’obbligo entrato in vigore lo scorso 20 luglio sia con riferimento a quello attivo dal 21 settembre 2015, si segnala che la procedura prevede unicamente che il GSE emetta, per conto degli operatori, le fatture in formato XML,  e che provveda a firmarle digitalmente e a trasmetterle al Sistema di Interscambio (SdI). Il GSE non si occupa, quindi, del processo di conservazione sostitutiva delle fatture, pertanto, tale adempimento ricade in capo ai soggetti interessati.

 

Gli uffici dell’Associazione rimangono a disposizione per chiarimenti, maggiori informazioni e assistenza per tale adempimento: Ufficio Servizi Fiscali 0523/307528

---------------------------------------------------------------------------------------------------------

06/07/2015 - GSE - Rinnovabili elettriche: Obbligo Fatturazione elettronica

L’Ufficio Fiscale di UPA Federimpresa comunica che dopo l’obbligo di fatturazione elettronica per le imprese nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni, dal 20 luglio le fatture nel nuovo formato dovranno essere emesse anche per la cessione di energia elettrica al GSE (Gestore dei Servizi Elettrici) ai sensi del DM 3 Aprile 2013, n.55.

Si ricorda infatti che UPA, per supportare al meglio le proprie imprese, è stata la prima associazione di Piacenza accreditata a svolgere la fatturazione elettronica.

 

Il gestore dei servizi energetici, con un avviso pubblico ha comunicato ai propri utenti che sono state integrate le nuove funzionalità destinate alla fatturazione elettronica: gli operatori che dovranno fatturare la cessione di energia (Fer Elettriche) in base al prezzo di vendita, potranno gestire la fatturazione elettronica direttamente dal portale GSE.

 

Al momento l’obbligo di fattura elettronica vede interessate solo le cessioni di energia elettrica prodotta dalle FER elettriche, di cui al DM 6 Luglio 2012, ovvero delle seguenti fonti rinnovabili:

- eolico

- idroelettrico

- geotermico

- biomasse, biogas, bioliquidi

 

Il servizio fiscale di UPA Federimpresa rimane a disposizione dei propri associati per informazioni, approfondimenti e per attuare la pratica.

 

Sede di Piacenza 0523/307546

Sede di Fiorenzuola 0523/983412

Sede di Cortemaggiore 0523/839411

Sede di Castel San Giovanni 0523/884073

---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Stampa la Pagina Salva la Pagina in PDF